Arredamento per Negozi: 10 idee per fare colpo con le luci al Neon

Stai per aprire il tuo negozio di abbigliamento e cerchi idee stimolanti per arredare gli spazi? Hai un nuovo punto vendita in zona centrale che deve battere un'agguerrita concorrenza? Stai rinnovando il tuo locale e cerchi il modo per dare un ulteriore tocco di originalità all'ambiente che deve accogliere gli avventori?

In questa piccola guida andremo a capire come utilizzare i neon (font, luci, insegne e loghi) per impreziosire gli spazi destinati a mettere in primo piano i tuoi prodotti e i tuoi servizi. Per rendere più stimolante l'interazione con la tua clientela e mandare un preciso messaggio con cui distinguersi dalla massa.

Nella prima parte andremo ad elencare una serie di consigli applicabili in tutti i casi di arredamento di negozi, indipendentemente dalla location o dalla categoria merceologica. Successivamente passeremo in rassegna le esigenze e le opportunità di specifiche categorie di negozi retail: arredamento negozi di abbigliamento, negozi di scarpe, negozi di usato, negozi di alimentari e gastronomia.

1) Insegna Neon di Benvenuto

Per alcune tipologie di negozi, come barbieri, estetiste, tattoo shop, ristoranti e negozi di dischi, l'insegna al neon di benvenuto è un must have. Soprattutto per chi si trova in città, in strade molto trafficate e piene di negozi, una scritta al neon che invita ad entrare è un must have, e può fare la differenza per farsi notare. Si tratta di una tradizione che nasce nei primi anni del secolo scorso (1910-1920), dopo l'invenzione delle prime lampade al neon (la luce al neon originale, che sfrutta il gas neon a bassa pressione, è un'invenzione di Georges Claude datata 1909). Dall'Europa la nuova luce che sfruttava le potenzialità della luce soffusa e del vetro colorato, arriva in America, dove riscontra subito successo. I primi negozi a dotarsi di un'insegna neon di benvenuto sono i barber shop, i tatuatori, i movie theatre, i ristoranti, le coffee house, le mesticherie. Successivamente è la volta di bakery shop (forni del pane), gelaterie, locali notturni e lavanderie a gettoni. Ma quali sono le scritte al neon standard per invitare i clienti ad entrare? Ecco alcuni esempi di scritte standard, prima riportati nell'originale inglese e poi in italiano:


  • Open

  • You're Welcome

  • Walk-ins Welcome

  • Place Order Here


  • Aperti

  • Benvenuti

  • Ingresso Senza Appuntamento

  • Effettua la Tua Ordinazione

1a) Insegna Neon di Benvenuto Esterna

Può essere posizionata in esterno oppure all'interno della vetrina. La prima opzione è quella più costosa e che richiede anche maggior tempo. Bisognerà infatti dotarsi di un vero e proprio 'progetto operativo', comprensivo di richiesta di autorizzazione a livello paesaggistico e pagare gli oneri che il proprio comune ha previsto in merito a cartelli, targhe e insegne permanenti. Il progetto e la relativa SCIA dovrà altresì comprendere tutti i dettagli relativi all'allaccio all'impianto elettrico del punto vendita, la scatola che contiene e impermeabilizza i neon, la struttura in metallo di aggancio alla parete esterna.

1b) Insegna Neon di Benvenuto Interna

Più semplice dal punto di vista realizzativo, è facile  meno costosa e senza alcun onere a livello di richieste, permessi e pagamenti. L'insegna neon di benvenuto interna può essere piazzata in alto sulla porta d'ingresso, oppure in un angolo ben in vista della vetrina. Grazie alla nuova tecnologia neon led, la struttura è leggera e di facile applicazione. Inoltre, non è necessario attendere che faccia buio perché l'insegna si veda. I nuovi neon led in acrilico sono pienamente visibili anche di giorno.


2) Insegna Neon Personalizzata

Se stai cercando un modo per aggiungere originalità, per dare un tocco artistico e divertente alla tua vetrina, potresti prendere in considerazione l’idea di un’insegna al neon con un logo una scritta personalizzata. In questo caso l’insegna diventerà il vero e proprio biglietto da visita della tua attività. Se infatti le insegne neon standard invitano ad entrare, le insegne personalizzate fanno qualcosa di diverso: comunicano al cliente che lì c’è quello specifico negozio. In questo caso la scelta di molti ricade sulla riproduzione del logo in neon. Sarà possibile realizzare differenti versioni del logo neon:


Logotipo + Pittogramma: in questo caso si tratta del logo completo, che comprende la parte scritta + il pittogramma, la parte visiva. La parte scritta contiene il nome della singola attività o della catena ed eventuali aggiunte tipo l’anno di fondazione (Est. 1973; Since 1973) o il payoff (es.: ‘Forno Brisa_Hardcore Bakery). La forza del logo al neon sta tutta nella riconoscibilità.

3) Scritta Neon all’Ingresso

Una volta entrati all’interno di un’attività, molti  si muovono alla ricerca di un commesso, del proprietario o del gestore. In alcuni casi le attività come hotel, ristoranti, centri di estetica e di wellness, il visitatore viene indirizzato verso il welcome desk, il desk di accoglienza. In altri casi c’è semplicemente un banco, una cassa. Nel caso di punti vendita piuttosto caotici, pieni di scaffali e di merce esposta, con alta frequentazione e passaggio di persone, le luci al neon possono essere utili per indicare al pubblico in che direzione andare. In questo caso sono molte le icone utili a questo scopo. Una luce al neon che riproduce una freccia colorata dirà al pubblico qualcosa come “qui informazioni”, l’icona al neon di un punto interrogativo potrebbe invece suggerire “hai bisogno di aiuto?”.

4) Luci al neon per Segnare il Percorso

Tutto dipende dagli spazi che avete a disposizione. All’inizio questa idea vi potrà sembrare un po’ pacchiana e riservata ai bar e ai tattoo shop. In realtà, se posizionate con gusto, le luci al neon possono in qualche modo indicare il percorso e suddividere le aree in cui il negozio si sviluppa. L’importante è che siano ben integrate con il resto dell’arredo, andando a comporre uno stile unico. Di quali tipo di luci al neon stiamo parlando? Piccole luci colorate e in stile minimal che rappresentano icone di facile riconoscibilità: frecce, indicatori di direzione, asterischi, smile ed emoticon che possano in qualche modo segnalare agli avventori il modo in cui è sviluppato lo spazio.

5) Sfondi neon

Le luci al neon possono anche accentuare gli elementi che sono già nella stanza. Il neon può integrarsi facilmente con quanto è già presente nell’ambiente e nei locali del negozio. In particolare tutto il settore delle pareti e delle superfici verticali si adatta bene ad ospitare sfondi al neon. Di cosa si tratta? Le luci al neon non devono per forza di cose assumere una forma iconica o simbolica, riconducibile a forme precise. Il neon può essere utilizzato anche all’interno di sfondi composti da pitture murali, poster, quadri, fotografie, arazzi. Se si considera anche per la sua capacità di comporre forme astratte, uno sfondo al neon è infatti molto versatile. Può andare a evidenziare, rinforzare, le linee di un disegno già presente sulla parete. Oppure integrarsi in modo organico all’interno di una fotografia in bianco e nero per renderla differente.

6) Sfondi con scritte neon

In molti casi le pareti sembrano fatte apposta per ospitare scritte. E l'arte della parola è molto antica e riesce a fornire spunti e suggestioni per trasformare con l’aiuto delle luci al neon un piccolo negozio in una boutique unica nel suo genere. Il primo passo da fare è pensare alle scritte. Infatti c’è molta differenza se si tratta di singole parole corte o di parole più lunghe o frasi. Le luci al neon di ultima generazione si basano infatti sulla tecnologia di illuminazione a led. Maggiore è la superficie coperta, maggiore il numero dei led installati e quindi la potenza a livello luminoso. Come progettare dunque al meglio sfondi con scritte al neon? La resa migliore si ha ragionando sul contrasto tra sfondo e scritta e sulla relazione cromatica tra le due parti.In questo caso si parla di sfondi con scritte al neon perché gli elementi in gioco sono due: lo sfondo – la parete verticale e la scritta neon. Se la parete è semplicemente intonacata e dipinta, dovremo fare caso alla tonalità di colore e al tipo di vernice (più o meno opaca o lucida, smaltata) utilizzata. Una scritta composta da una sola parola o una citazione?


7) Luci al neon per creare atmosfera

Le luci al neon non devono per forza essere messe in primo piano, ma sono molto utili anche per creare atmosfera, mettendole in punti strategici in secondo piano. Angoli, nicchie, sbalzi… da lontano l’effetto sarà quello tipico della luce colorata che va a sfumare. Avvicinandosi si potrà scoprire la piccola ‘installazione artistica’. Funzionano molto in questo caso le scritte in grado di suggerire uno stato emozionale, un mood. Oppure icone semplici e dirette, come quelle legate ai simboli e alle forme  utilizzate nei social e nei sistemi di messaggistica.

8) Creare un ambiente speciale con le luci al neon

Se il vostro locale lo permette e lo stile si adatta, le luci al neon possono giocare un ruolo ancora più importante nella strutturazione dello spazio. Un lounge bar, un pub, una sala giochi, una discoteca, un negozio di giocattoli o una boutique vintage si prestano per creare uno spazio dove la luce colorata del neon diviene protagonista. Naturalmente, tutti i locali che abbiamo appena elencato, hanno qualcosa in comune. Un ambiente che non è illuminato con la luce diretta del sole, m anzi che fa delle zone di buio e del chiaroscuro la sua cifra stilistica distintiva. In un ambiente di questo tipo, vissuto soprattutto nelle ore notturne, le luci al neon possono rappresentare il contenuto e la punteggiatura dello spazio, definendone non solo il mood, ma anche lo spessore scenico. Non per forza il neon è destinato a conferire un sapore vintage. Con le nuove tecnologie di acrylic led è interessante creare anche ambienti futuristici o legati all’estetica minimal connessa alla tecnologia.

9) Idee Arredamento negozi abbigliamento

Alcune categorie di negozi si prestano maggiormente ad osare uno stile di design con sfondi e luci al neon. Pensiamo ad esempio ad un negozio di abbigliamento: attraverso frecce e scritte luminose colorate è possibile indicare ai visitatori dove si trovano le aree Donna, Uomo, Bambino. Oppure, nel caso di un negozio specializzato in jeans, potrebbero essere utili ad indicare le zone dove sono distribuite le taglie. Un discorso simile può essere fatto per l'arredamento di un altro tipo di negozio di abbigliamento, quello di scarpe.

10) Idee Arredamento negozio usato

Anche i negozi che si occupano della vendita di prodotti di seconda mano hanno spesso un'esigenza: fare in modo che la clientela possa orientarsi e scorgere i prodotti che cerca. In genere, che si tratti di un mercatino dei mobili usati, di un record store che vende vinili unici e introvabili o di un negozio di borse e oggetti second hand, la mole di oggetti che deve ospitare è sempre molto alta rispetto ad un punto vendita normale. Spesso l'esposizione dello stock finisce per coprire tutta l'area calpestabile e i riferimenti per la clientela vengono meno. Ecco che ci può venire incontro una luce al neon di nuova generazione, leggera e di facile installazione. Una luce da applicare a parete o direttamente sugli scaffali per definire e impreziosire l'ambiente, ma anche per aiutare i clienti a trovare meglio ciò che cercano.

Il valore dell'arredo nei punti di vendita fisici

In un momento storico in cui i punti vendita fisici sono in crisi e l'online shopping cresce in maniera solida e stabile, il Retail Management è chiamato a nuove sfide. C'è un aspetto per il quale un negozio virtuale non potrà mai competere con uno store fisico. Stiamo parlando dell'atmosfera, dello stile degli arredi, del colore della luce e del calore umano che il titolare e i dipendenti sono in grado di offrire. Nel momento in cui i clienti entrano nel tuo negozio, sono proprio quei primi secondi che impiegano per guardarsi intorno il momento più importante. Proprio in quel momento decideranno se vogliono rimanere o meno. Proprio per questo motivo il layout dello spazio (come  è articolato lo spazio in vari ambienti e come le stanze sono articolate al loro interno) e il design del negozio possono fare la differenza.

Perché investire nelle luci e negli sfondi al neon? Perché consentono di arredare e conferire identità ad uno spazio senza avere a disposizione un sacco di soldi da investire. Certo, se affidi la progettazione del tuo negozio, degli scaffali e degli arredi ad una ditta esterna, avrai minor margine di scelta.
Se vuoi arredare il tuo negozio proprio a partire dal colore e dalla luce, il modo giusto è quello di cominciare proprio da uno dei consigli riportati qui sopra.


Richiedi un preventivo

{formbuilder:23956}
Chiamaci su Whatsapp!